Monster® Energy: come dominare un mercato con molta concorrenza

Branding Monster Energy

Potrai pensare che possedere il 40% del mercato non equivale a “dominarlo”, soprattutto se c’è la RedBull® che vende ancora più bevande della Monster®..

Però dati i soldi che gli energy drink generano globalmente e dato che una piccola azienda come la Monster® è riuscita in questa impresa dove altre aziende rinomate come la Coca-Cola® hanno fallito, rimane un grande traguardo, non trovi?

Qual è il segreto?

In un mercato trainato ovviamente dalla RedBull® che è stata la prima bevanda energetica e per questo motivo fonte di ispirazione per i concorrenti, che avendo visto l’opportunità di fare soldi con questo segmento di mercato, hanno copiato molte cose, tra cui le “dimensioni”..

La Monster® ha deciso di “differenziarsi” proprio per questo dettaglio: le dimensioni.

Perchè pagare 2 euro per una RedBull® quando, per lo stesso prezzo puoi avere una Monster® che contiene IL DOPPIO della bevanda?

In questo caso quindi, allo stesso prezzo ti veniva offerto una bevanda dove potevi dissetarti di più e sicuramente recuperare “più energie” (o almeno questo è ciò che poteva percepire il cliente).

Le dimensioni contano

In questo caso le dimensioni (della lattina) hanno fatto la differenza.

Se un consumatore deve scegliere tra una lattina di RedBull® ed una lattina della Rockstar®, che posseggono pari dimensioni, molto probabilmente comprerà la lattina di RedBull® perchè la conosce meglio grazie al fantastico lavoro che il reparto marketing di questa azienda ha svolto negli anni (oltre che nessuno vuole fare da cavia e testare un prodotto che è sconosciuto).

Se però si ritrova davanti ad una lattina di RedBull®, una della Rockstar® ed una della Monster®, per svariate ragioni quali: fa molto caldo quindi ha molta sete, crede che più grande è la bevanda più energia può fornirgli e tante ma tante altre ragioni che una persona può trovare..

C’è una grande probabilità che scelga la Monster® Energy nonostante non sappia se il sapore è di suo gradimento o meno.

E tu, stai semplicemente copiando la concorrenza oppure offri ai tuoi clienti un prodotto unico dove la differenza, rispetto agli altri prodotti, è ben evidente e comprensibile?

Hai già un e-commerce e vuoi strutturare una strategia di marketing più efficace?

Analizziamo insieme la tua situazione in una Audit Call senza impegno: https://ecomsphere.it/audit-call/

Condividi il post

Altri articoli che potrebbero interessarti

Massimizzare il profitto

Tasso conversione ecommerce: come migliorarlo

Il tasso conversione ecommerce è il rapporto tra gli utenti che visitano il tuo sito e quanti di loro effettuano l’azione desiderata, nel tuo caso comprare un prodotto.

Non importa che il traffico arrivi da sponsorizzate, quindi a pagamento, oppure in organico perché magari hai un posizionamento SEO fantastico.

In entrambi i casi, se questi utenti alla fine non effettuano un acquisto, tutto lo sforzo per mettergli davanti il tuo prodotto, è sprecato.